Anonima Precaria

La «questione precaria» è sparita dall’orizzonte. Anzi sono i precari e le precarie ad essere spariti e sparite dall’orizzonte sociale e politico del Paese, dell’Europa, del Pianeta, dell’Universo o del Multiverso che sia.
Eppure il nostro pianeta è pieno di «cose», merci di vario prezzo e varia grandezza. Ne siamo pieni, di cose. Ovunque cose, cose cose.  E sono i precari che costruiscono queste «cose», che portano «le cose» da una parte all’altra del pianeta, che servono quelli che dirigono le fabbriche (di qualunque sostanza esse siano fatte) dove altri precari costruiscono queste «cose». 
Eppure i precari sono spariti, non esistono. Non hanno voce. Sono diventate «cose» anche loro?
Questa non è una rubrica. È uno spazio, un luogo.
Offriamo rifugio a tutte le le Cose Precarie.

5. Er nido

In tutto ciò, in mezzo a sto gran casino, in mezzo a sta disperazione, in mezzo a tutte ste chiacchiere da baraccone, tanto inutili quanto i tovagliolini de carta der bar, quelli fini che te ce vo na cartiera de Fabbriano pe’ asciugatte na goccia de caffè sur mento, stamo incinti.
Cioè, a compagna mia sta incinta proprio, co a panza, er mal de schiena, e i doloretti. Io sto incinto de testa, co tutti i malesseri psicosomatici annessi e connessi. Le nausee a matina? Ce l’ho! Er mal de schiena? Ce l’ho! E cavije gonfie? Ce l’ho! So tipo er cavalluccio marino… cor vantaggio che, armeno, me posso beve na bira…
‘Nsomma stamo così, chiusi come tutti in regime de quarantenaBis, a comprà le cose su Aliexpress o sui siti de robba pe gnomi. Arrivano pacchi de panni lavabbili, decorazioni per mura, tappeto o copertina co scritti numeri, mesi, cose così che te ce metti er pupo, segni er mese, fai a foto e a manni a gente che, se te va bene, rivedrai l’anno prossimo…
Stamo incinti, ma non imminente. Ma stamo incinti, e allora se devono fa l’analisi, ma… nse po’ sta in coppia perché uno si che po’ uscì, l’artro no… Se annamo a fa controlli e te, padre, te fanno sta fori. Ad aspettà… e me so pure levato er vizzio der fumo… e stai la che pensi “chissà come sta sta polpettina mia”. E te rode er culo che devi sta così, cor whatsapp aperto ad aspettà notizie. Che ce mancava solo che passavano le guardie a chiedeme l’autocertificazione. Che però non so passate, ma però l’idea stessa che a me me rodeva er culo e magari passavano e me dovevano fa sbroccà… già sta cosa me faceva rosicà…
Te poi solo consolà pensanno “armeno semo vivi…”.
Capito come se consola uno ner 2020? Armeno noi semo vivo…
Stamo incinti e cercamo de fassela pijà a bene, n’approfittamo pe sta assieme, per avè tempo nostro, pe’ parlà a sta cosetta che cresce e se smove come na pazza, pe’ leggeje du favole de quelle belle de Momo, pe’ faje sentì la musica che dice che così viene ntelliggente. Come se a musica po’ risorve er disastro genetico paterno… però, oh… uno ce prova! Io me faccio pure ‘e foto, così quanno che un giorno me rinfaccerà ogni cosa (perché se sa che è così, poi esse er mejo genitore uno o due, na secchiata de ghiaccio t’arriverà sempre, è la regola), dicevo me faccio ‘e foto, ‘e prove documentali, così quanno che me dirà “E’ tutta colpa tua” io caccio e foto e je dico “Ennò! Io c’ho ‘e prove! T’attaccavo a Mozart! Te facevo sentì er reggae e o ska, a ninna nanna de starwarse e te leggevo e favole de tu zio.” . Essì, lallero…che mo me faccio fregà da na millenials, o come se chiameranno i pischelli e le pischelle del 2020. Ah bella, io so dell’82! Se semo fatti er mondiale, Chernobbil, er crollo e er tracollo del partito, er muro de Berlino, a stagione dee straggi, tangentopoli, Berlusconi 1 e 2, Dalema, Napoli e Genova, er quinniciottobre, i cinquestelle e Sarvini. E mo pure a pandemia globbale… we don’t piss from ginocc!!!
Ensomma, dicevo, stamo incinti e tutto s’amplifica. A curva dei contaggi che nse capisce bene se fanno un calcolo preciso o tirano e dadi di D&D… a gente che te segnala si pe’ caso stai a uscì matto e allora pisci er cane un minuto de più del DPCM… e vecchie che sbroccano ma però stanno sempre ngiro…
E poi a gente esperta de tutto… ”Aprimo!” “No, chiudemo ancora” “Volemo lavorà” “Datece i sordi” “Perché i musei e librerie si e i bar e i barbieri no?”… Che ‘n sia mai te facesse male leggete un libbro o annatte a vedè ‘na mostra, anziché di’ cazzate ar bar o a fatte laccà la capoccia co ‘n taglio de gusto discutibbile…
Stamo incinti e dovemo impegnà sto tempo de reclusione forzata… e allora, che fai? Ne approfittamo per inizià a tirà su a stanzetta. Famo come in natura, che a na certa l’animali tirano su er nido. Sposta sta libreria de qua, no! A Scarpiera e mejo dellà… Ma sta scrivania a tenemo o je damo foco? Sto mobbiletto me faceva cacà già quanno l’ho preso… Insomma discussioni da interior desain marcato Ikea…
E mentre lo famo, nun poi nun pensà a do stamo a mette sta creatura… 
Non nella casa, eh! A casa è bella, c’avemo a fortuna che è pure spaziosa, calda… c’avevo pure er cane soprammobile, che dorme per metà der tempo e l’artra metà sta immobile a russà….
Ma ‘ndo la stamo a mette popo ner monno! 
Sta creatura nasce ner momento in cui tutte le contraddizzioni da nostra società, der tempo nostro, te arrivano ‘n faccia tipo ‘na scarellate de pizze come Dhalsim de Street Fighter.
Se costringe la gente a sceglie tra rischià de beccasse er virus o de non potò mette da magnà sur piatto. Ed è n’arternativa der cazzo, perché te fanno pensà che è na scelta che devi fa, ma in realtà e ‘na condizione imposta. Te non scegli ‘n cazzo, non poi sceglie ‘n cazzo. Te l’accolli e taci. Voi vive? Non esiste che te redistribuisco i sordi che se stamo a fregà pure mo! Esci, stipate dentro na metro con n’artri 300 pori pazzi e forse te do cento euro ‘mpiù. Forse!
Così s’accatasta la gente dentro i magazzini, o dentro i bus, o dentro ‘e metro, perché sinnò more la produzione nazionale… perché sinnò passamo da AAA a BBB. E da BBB a CCC. E pare che a quelli de Assolombarda e Confindustria nun je va de fa i corsi de recupero a settembre… che te dicono che dovemo fa er sacrificio, dovemo fa er sacrificio. Ma ‘ncroce ce vanno messi solo sempre i stessi pori cristi, ma se pensi a na robba tipo “pijamo l’1% dei sordi a chi c’ha più de 80 mila euri” stanno tutti a sartà sulla sedia perché è un’ingiustizia.
Annamo ‘ngiro a distribuì pacchi de pasta, e ad ogni cassetta de robba che viè data, famo scomparì un pezzo de dignità umana. Bella a solidarietà, eh! Che si nun ce fosse, ce sarebbe da sparasse… Ma nun se po’ campà de solidarietà, se deve campà de socialità, de costruzione del desiderio, de prospettive di realizzazione collettiva, de redistribuzione della ricchezza.
Perché a solidarietà senza costruzione collettiva diventa elemosina.
E’ a famosa storia der pesce e de nsegnà a pescà. Stamo a da pesci, se dovrebbe pure pensà de insegnà, o de spiegà, alla gente che sto pesce non è un regalo, ma ‘n diritto esistenziale, e che se devono mette le lenze ‘mmano e pretendere de avè sto pesce senza ridusse alla schiavitù e alla miseria.
E noi che stamo incinti se chiedemo sé se semo persi ancora una volta l’occasione pe’ mettere in discussione sta società logora e marcia, che costruisce le ricchezze di pochi sulle miserie di molti. 
Insomma me rode er culo a pensà che mettemo ar monno na creatura in un tempo de lupi che ‘n semo riusciti a cambià. In un paese disgraziato che c’avevo pure provato a cambiallo, ma avemo fallito e ancora nun l’avemo capito.
Penso a ste cose…
Però penso pure che, checcacchio! dovemo fa tutto noi? Nsomma, si è vero, avevo sbajato quarcosa... ma pure chi ce stava prima de noi, tipo mi padre o mi madre, o tutta la gente de prima de noi, no? Pure loro se so sbajati, perché mo tutti sta situazione mica s’è fatta in 20 anni, giusto?
Sa trascinamo da 50 anni, in 50 sfumature de grigio e de nero! 
Cioè, nun è che me ne scappo da le responsabbilità mie, eh, peccarità!
Però, oh, ce sta che ancora nun j’avemo fatta!
Allora penso che forse, a la fija mia, je racconterò dei fallimenti e degli errori nostri con più orgoglio che delle cose che so annate bene. Perché le cose che so annate bene so cose nostre. Si, patrimonio condiviso e collettivo, ma so le cose che avemo fatto noi. E ‘nvece le cose che avemo sbajato, saranno er patrimonio de chi verrà dopo.
Lo so, un po’ sto a giustificà l’accollo, eh. Pare quasi così, lo so…
Però è pure vero che, oltre ai fallimenti, lasciamo in eredità i perchéde sti fallimenti. Cioè, come dì, semo tipo l’esploratori che cercavano er passaggio a Nord Ovest, no? Che facevano la strada sbajata e morivano o tornavano e dicevano “aho, de là nse va da ‘n cazzo de nessuna parte”.
Allora quelli che venivano dopo sapevano che dovevano provà altre strade, altri percorsi. Cioè, armeno nun pijassero pure loro la strada che va da n’cazzo de nessuna parte…
Mentre famo er nido penso che forse, la più grande eredità che potemo da a nostra fija, so le strade che abbiamo sbagliato, partendo dalle quali potrà trovare le strade giuste. Oppure sbagliare a sua volta e allora capì da sola che strada fà. 
Dentro sto nido, allora, sai che c’è? Ce mettemo i libri, egli scritti e le lettere che avemo letto e scritto. Ce mettemo le contraddizioni, e li sbagli, e le porte ‘n faccia che avemo preso. Ce mettemo l’amici nostra, e tutti i compagni e le compagne che co’ noi hanno cercato er passaggio a Nord Ovest. Tutti l’affetti che c’hanno fatto senti meno soli, e più forti, mentre assieme provavamo e strade nove.
Sto nido lo famo intrecciando le nostre storie, le nostre biografie, i nostri sorrisi e le nostre lacrime. Lo famo coi rametti della nostra esistenza, resa forte dal vento de tutte le contraddizioni che c’hanno investito.
Sto nido non lo dovemo fa come un rifugio da le cose brutte der monno, ma come un punto sicuro da dove partì pe affrontà sto monno ‘nfame.
Magari assieme, magari facendo nuove strade, nuovi sentieri mano nella mano. O magari mettennose de lato e lasciando che sto nido sia solo un posto dove tornare dopo aver fatto er giro der monno. Un posto dove portare rametti novi, prima de fanne uno novo tutto pe’ se.
Insomma, mentre faccio er nido penso a tutte ste cose. Ma nun so preoccupato, no.
C’ho na nova speranza.
La speranza che mi fija, e i figli e le figlie della gente come noi, non sprecheranno i nostri errori e ce costruiranno su le basi per nidi migliori, per tempi migliori.
La speranza che quello che abbiamo temuto fosse tempo perso, in realtà potrà esse un punto de partenza di chi sta arrivando mo.
Sta speranza mia, però, non è a solita trappola da consolazione de chi se accontenta dell’immobilismo e spera che a fortuna je caschi in mano dar cielo. 
No, er cazzo!
A speranza mia è ‘na cosa concreta. Come te posso dì… ah ecco: 
a speranza mia è che siccome avemo pasturato assai a lungo, e se semo ‘mparati come se dovrebbe pescà, e avemo spiegato pure all’altri come pescà, sto cazzo de pesce ora lo dovranno pure acchiappà, no?
Ecco… a speranza mia è che mi fija, e i figli e le figlie della gente come noi, sarànno in grado de pescà.
 
Vabbè…m’è scita male. Non so bono nelle conclusioni.Che s’ero bono, nun stavamo mica qua oggi, no??? Sta quarantena tanto bene nun m’ha fatto…

 

[salvuzzo]

 

Vai a tutti gli articoli di Anonima Precaria


A Momo piace...
A Momo piace la rete.
Momo adora Internet, «the net», 1.0, 2.0, 3.0 e così via…
A Momo piace fare surf dentro ai flussi della rete, direttamente sui fili della rete, attraversando la ragnatela di Internet, schivando i predatori, tendendo mani, facendo circolare acqua fresca e pulita.
Momo adora Internet, le nuove comunicazioni, quelle weird e quelle antiche.
Momo adora – anche e soprattutto – i problemi della rete, le cose che non funzionano, la rete quando è «in crisi».
Momo passa le sue giornate a «surfare» nella rete, alla ricerca di sapere, fratelli, mondi.
Momo è pazza della rete.
E questa pagina è proprio dedicata ai risultati dei viaggi di Momo nella rete: qui Momo fa circolare i saperi, i fratelli, i mondi che trova «surfando» nella rete: i pensieri e le intuizioni, le «speranze fantascientifiche».
Questo è lo spazio dello scambio, della sperimentazione, dell’off topic.
Qui Momo parlerà di serie tv, di quelle che ci sono e quelle di cui ci sarebbe la necessità.
Di fumetti, di libri, di quell’intervento culturale che a Momo piace.
Di tendenze, di musica, di quello a che Momo fa schifo.
Questo è lo spazio che Momo vi offre per le provocazioni, per la poesia cibernetica, per la messa in discussione.
Momo non sa come sarà fatto questo spazio.
E tu lo sai?