Na guera quotidiana

È risaputo ma è mejo ribbadillo.
Se c’è na categoria che se la passa proprio male è quella dei padri.
Fà er padre nel 2019 a Roma è na guera, na guera quotidiana.

4. «Chi cazzo te l’ha fatto fà a fà ‘n fijo?»

L’artro giorno ho incontrato uno che me fa: «Aho ma che sei te che pubblichi quaa robba sur sito de Momo? Quello là, er padre coatto?».
Ho provato a fa er vago. «Nun so manco de che stai a parlà…».
M’ha sgamato subbito: «Ma sì che sei te, oo so che sei te – nun fà er vago, m’aa detto coso là – te posso fa na domanda?»
Io questo oo conosco solo de vista, è uno der quartiere ma è n’amico de n’artro amico, nsomma ee solite cose, je dico che vabbè famme sta domanda, ma me so già pentito. Allora lui me fa: «Scusame però nun capisco na cosa… Stai sempre a dì che nun ce capisci ‘n cazzo de quello che te succede, che a fa er padre è come fa l’allenatore daa Roma, stai sempre a rosicà de come va er monno dei padri de oggi, stai lì tutto spaesato, nsomma…».
Io sto comincia a rosicà pe davero: «See, vabbè, e aa domanda?».
Eccola qua: «Ma se te stai sempre a lamentà, te posso chiede chi cazzo te l’ha fatto fà a fà ‘n fijo?»
Eccaallà.
Aa superdomanda, quella a cui nun se po' risponne co du righe, quella che nun a poi risorve co na battuta, o co na cazzata buttata là che pare na furbata e invece serve solo a riempì er vuoto. Che vuoto, me direte voi? Quello generato in automatico daa domandona – aa superdomanda de cui sopra – quella regà de cui non esiste aa risposta.
«Perché uno fa ‘n fijo?».
Avrei potuto risponne che è l’amore che te spigne a fà un fijo. L’amore che move er cielo e l’artre stelle eh quello der sommo poeta, quello mistico proprio (e questa sarebbe aa mia risposta nummero uno, tanto pe capisse). Avrei potuto dije: «Boh e io che cazzo ne so?». Avrei potuto ribbadì che comunque uno non è che oo deve fa pe forza ‘n fijio, regolare eh. E inortre nun è che me devi legge pe forze ee cazzate che scrivo eh, fatte ‘n giro sur sito de aa gazzetta doo sport o su iuporn e fatti i cazzi tua.
Avrei potuto dije che sto sempre a scrivè de sta cosa perché cresce e fiji oggi è na cosa complessa, che non c’avemo modelli e – modestamente parlando – stamo a provà a costruì na cosa ‘n modo novo, senza capicce ‘n cazzo eh, ma ce stamo a provà. Avrei potuto cambià discorso, mannalla ‘n caciara e parlà dell’Iran. J’avrei potuto diì che ‘n fijo – pe certuni – è come ‘n lavoro, pò pure nun esse na scelta. Te pò pure capità. E te tocca statte zitto e abbozzà.
Avrei potuto dire questo e altro, regà.
E invece a quello lì mica jo detto tutte ste cazzate, mica so ‘n cojone, j’ho solo detto: «Fa er padre è come allena aa Roma, io l’ho scritto sur sito e te stolto me lo hai appena ribbadito. Allora so io che te chiedo: perché uno dovrebbe fà l’allenatore daa Roma?».
Lui m’ha guardato sbarrando l’occhi, colto da n’illuminazione granne come a curva sud.
E insieme avemo strillato: «Perché aa Roma è maggica! Se ama, nun se discute!»
Oh sta botta me so sarvato propio ‘n corner, regà.

 

Vai a tutti gli articoli di Na guera quotidiana

 
 

A Momo piace...
A Momo piace la rete.
Momo adora Internet, «the net», 1.0, 2.0, 3.0 e così via…
A Momo piace fare surf dentro ai flussi della rete, direttamente sui fili della rete, attraversando la ragnatela di Internet, schivando i predatori, tendendo mani, facendo circolare acqua fresca e pulita.
Momo adora Internet, le nuove comunicazioni, quelle weird e quelle antiche.
Momo adora – anche e soprattutto – i problemi della rete, le cose che non funzionano, la rete quando è «in crisi».
Momo passa le sue giornate a «surfare» nella rete, alla ricerca di sapere, fratelli, mondi.
Momo è pazza della rete.
E questa pagina è proprio dedicata ai risultati dei viaggi di Momo nella rete: qui Momo fa circolare i saperi, i fratelli, i mondi che trova «surfando» nella rete: i pensieri e le intuizioni, le «speranze fantascientifiche».
Questo è lo spazio dello scambio, della sperimentazione, dell’off topic.
Qui Momo parlerà di serie tv, di quelle che ci sono e quelle di cui ci sarebbe la necessità.
Di fumetti, di libri, di quell’intervento culturale che a Momo piace.
Di tendenze, di musica, di quello a che Momo fa schifo.
Questo è lo spazio che Momo vi offre per le provocazioni, per la poesia cibernetica, per la messa in discussione.
Momo non sa come sarà fatto questo spazio.
E tu lo sai?