Na guera quotidiana

È risaputo ma è mejo ribbadillo.
Se c’è na categoria che se la passa proprio male è quella dei padri.
Fà er padre nel 2019 a Roma è na guera, na guera quotidiana.

3. Ersa sò io

A regà, sò stato a vedè Froze due.
Ve premetto che io ho combattuto contro er primo Froze co tutto me stesso. Ho provato a impedì de vedello a mi fija pe anni. Un frutto marcio dell’imperialismo sciacallo dell’americani, questo era er mio pensiero audace e communista, ribbelle e noglobbal.
Daje regà, è così che er sol dell’avvenire sarà nostro.
Mpo ce so riuscito – pee circa due mesi eh – mpo no e ho dovuto cede.
E allora mi fija – come tutte ee bambine femmine de sto monno – è diventata n’appassionata de Ersa e de Anna, de coso lì der pupazzo de neve (che è uguale uguale a Renzi regà fatice caso) e de quell’artro che va in giro con aa renna e che pare tonto ma è tanto bono de core.
Ve premetto poi che tanto ha fatto e tanto ha detto mi fija che aa fine m’ha convinto pure a me a vedello sto firm. E allora daje vedemose sto Froze I, j’ho detto io, mentre na sera infilavo er cd ner lettore.
A regà mentre oo vedevo a na certa c’ho avuto ‘n flash.
Mpo come n’illuminazione – na cosa che nun se po' dì –  però laica eh, cioè me sò visto tutto dentro a uno dee personaggi. Cioè regà me sò rispecchiato propio, me sò visto riflesso, pe n’oretta ero propio io, na cosa che nun se po raccontà se nun aa provi. E quinni a regà ve lo devo confessà: Ersa sò io, sò propio io, Ersa se muà!
Propio aa stessa inquietudine mia, aa stessa urgenza de scappà, de superà ee limiti. Aa famijia che te sta stretta, ee persone vicino che nun capiscono mai er dono che ciai avuto a rogna de possedè, er posto ndo vivi che nun te comprende. Quanno canta aa canzone – quella famosa: «da oggi il destino appartiene a me!» – e se costruisce intorno er palazzo de ghiaccio me sò sentito un friccichio tutto dentro ar corpo. Froze I m’ha riaperto un firm che m’ero scordato d’avè vissuto, davero m’ha guardato dentro ar core e m’ha fatto piagne e divertì allo stesso modo.
Na bomba propio.
E quinni capirai me sò detto sto seconno firm sarà ancora più struggente, me s’aprirà a ferita der core n’artra vorta. E allora so annato ar cinema subito a vedello, io da solo coaa pupa e coaa cuginetta. M’aspettavo mari e monti, e fochi artificiali con ee tricchetracche.
E invece manco per cazzo.
Pe carità er film è pure bello, tutto caruccio, cià effetti clamorosi tipo quanno Ersa sta ner mare a combatte oo spirito dell’acqua, un trip proprio. Ce so ‘n sacco dei pezzi da paura, pe carità. Tutto bello regà però je manca quer quarcosa di cui sopra, e quinni non è scattato gnente, non me so innamorato e nun c’ho avuto l’illuminazione. Boh che ve devo dì, sarà per n’artra vorta.
Manco s’è risorto er caso che aveva attanagliato er cervello – se fa pe dì – de Sarvini e cioè se a Ersa je piaciono ee maschi o ee femmine. Nun je frega ‘n cazzo a Ersa, Sarvì (e manco a noi eh), mettete er core ‘n pace e nun ce rompe er cazzo.
A pupa co aa cuginetta se so divertite, se so magnate ee popcorn e dopo aa fine der firm, mentre se n’annavamo via, se so messe a piagne tutte e due all’unisono. E io nun ho capito perché.
Glielo pure chiesto e ri-chiesto: ch’è successo? Diteme ch’è sucesso che nun ho capito…
Gnente nun m’hanno voluto risponne, poi se so asciugate ee lacrimuccie, se so abbracciate e sbaciucchiate, e se so incamminate tutte contente come se nun fosse successo gnente.
Che ve devo da dì? Aa magia der cinema è insondabile, regà.
E io nun ce capisco mai ‘n cazzo.

 

Vai a tutti gli articoli di Na guera quotidiana

 

A Momo piace...
A Momo piace la rete.
Momo adora Internet, «the net», 1.0, 2.0, 3.0 e così via…
A Momo piace fare surf dentro ai flussi della rete, direttamente sui fili della rete, attraversando la ragnatela di Internet, schivando i predatori, tendendo mani, facendo circolare acqua fresca e pulita.
Momo adora Internet, le nuove comunicazioni, quelle weird e quelle antiche.
Momo adora – anche e soprattutto – i problemi della rete, le cose che non funzionano, la rete quando è «in crisi».
Momo passa le sue giornate a «surfare» nella rete, alla ricerca di sapere, fratelli, mondi.
Momo è pazza della rete.
E questa pagina è proprio dedicata ai risultati dei viaggi di Momo nella rete: qui Momo fa circolare i saperi, i fratelli, i mondi che trova «surfando» nella rete: i pensieri e le intuizioni, le «speranze fantascientifiche».
Questo è lo spazio dello scambio, della sperimentazione, dell’off topic.
Qui Momo parlerà di serie tv, di quelle che ci sono e quelle di cui ci sarebbe la necessità.
Di fumetti, di libri, di quell’intervento culturale che a Momo piace.
Di tendenze, di musica, di quello a che Momo fa schifo.
Questo è lo spazio che Momo vi offre per le provocazioni, per la poesia cibernetica, per la messa in discussione.
Momo non sa come sarà fatto questo spazio.
E tu lo sai?