Na guera quotidiana

È risaputo ma è mejo ribbadillo.
Se c’è na categoria che se la passa proprio male è quella dei padri.
Fà er padre nel 2019 a Roma è na guera, na guera quotidiana.

1. A fa il padre so boni tutti

Facce caso. A Roma so tutti boni a fa er padre. È come fa l’allenatore daa Roma. Se vinci du partite de seguito diventi l’ottavo re de Roma. Se perdi na partita – una sola eh – è tutta corpa tua, è corpa tua pure se piove.
A fa er padre è uguale.
Se va tutto bene – zero casino zero problemi – aa vita score che è ‘n piacere. Se putacaso se incrina l’armonia del focolare domestico – che ne so, uno dei fiji diventa lazziale – è già pronta aa crocifissione der padre. Pure daa madre eh, pe carità, però è diverso. Aa madre è diverso. Aa madre in Itaglia cià sempre na scusa, è santa, è na Madonna, la madre è sempre aa madre. Se sa, su ste cose semo un paese arretrato, stamo ar Medioevo regà (pe dì eh, che ce lo so che ar Medioevo stavano più avanti de noi). A crocifiggono uguale aa madre – bada bene – però è diverso, aa crocifiggono co aa scusante. Per padre nun ce so scuse, è sempre corpa sua, diretta e irrefutabile. Soprattutto se er fijo diventa lazziale.
Non vojo esagerà, non vojo fa de tutta un’erba un fascio.
Ce so padri e padri. Pe fa solo du esempi, ce sta er padre che è molto attento ai propri fiji – er cosiddetto padre/madre – e ce sta er padre che ostenta indifferenza totale – cioè era padre che fa er vago. Prenni sto secondo caso, che è da manuale. Non è che non je frega ’n cazzo , è che è incastrato in un ruolo tutto da rinnovà. Sembra che non je frega ‘n cazzo ma in realtà je frega pure a lui, epperò – per quarche motivo che ce sfugge a tutti – deve da fà vede che a lui non je frega ‘n cazzo dei fiji.
Mica è facile, sà. Provace a te a fa er vago mentre tu fijo sale sopra cinque metri de giostra e se sta pe buttà pe fa vedè che lui è come Spaidermen. Lui – er padre che fa er vago – niente, è un mostro, nun se move – manco guarda – epperò se ce fai caso bene cià er mignoletto daa mano sinistra che trema, ma trema tanto eh.
Trema tanto che fa impressione.
Er padre che sta attento ai fiji sua – era padre/madre – è pure più complicato da fa. Primo perché a fallo pari na femmina – niente de male eh pe carità – ma pari proprio na madre, se ‘n doppione, nun servi a ‘n cazzo. Avoja a provà a sembrà ‘n maschio virile mentre devi da sta dietro ai tu fiji. Nun c’è scampo, te senti popo ridicolo, un pesce fori dall’acqua, un mostro a du teste. Nun c’è niente da fà: o fai er padre o fai a madre, armeno per ora. Poi speramo ner futuro, pe carità.
Eppoi se sei un padre che sta attento ai fiji – per esempio quanno li porti ar parco coi giochi – sbem ecco che dopo cinque minuti realizzi che te tocca sta attento ai fiji de tutti. Devi da contollà i tu fiji, i fiji de quelli che non j frega ‘n cazzo e poi pure e fiji de chi è distratto patologgico oppure de chi o fa apposta. Insomma è ‘n lavoro, na Cambogia. Fino a che uno de quelli che stai a controllà – magari proprio er tu fijo – nun se sgrattuggia aa faccia sur pavimento e te tocca pure subì le facce deluse de tutti l’altri genitori der parco. È na carneficina, capito come.
Questo pe dì che a fa er padre oggi nun è facile pe niente. Era mejo quanno ancora facevi er fijo? Boh nun lo so. Ecco a proposito na cosa che me so imparato. Mo che ce faccio caso, a fa er padre, me so imparato a pensà e pure a dì molto più spesso de prima: «boh, nun lo so». Che comunque è na cosa zen eh. È na cosa utile. La poi usà in ogni momento. Me faccio na domanda e poi me risponno da solo. Per esempio, e mo come finisco sto pezzo?
Boh nun lo so.
Capito come.

 

Vai a tutti gli articoli di Na guera quotidiana


A Momo piace...
A Momo piace la rete.
Momo adora Internet, «the net», 1.0, 2.0, 3.0 e così via…
A Momo piace fare surf dentro ai flussi della rete, direttamente sui fili della rete, attraversando la ragnatela di Internet, schivando i predatori, tendendo mani, facendo circolare acqua fresca e pulita.
Momo adora Internet, le nuove comunicazioni, quelle weird e quelle antiche.
Momo adora – anche e soprattutto – i problemi della rete, le cose che non funzionano, la rete quando è «in crisi».
Momo passa le sue giornate a «surfare» nella rete, alla ricerca di sapere, fratelli, mondi.
Momo è pazza della rete.
E questa pagina è proprio dedicata ai risultati dei viaggi di Momo nella rete: qui Momo fa circolare i saperi, i fratelli, i mondi che trova «surfando» nella rete: i pensieri e le intuizioni, le «speranze fantascientifiche».
Questo è lo spazio dello scambio, della sperimentazione, dell’off topic.
Qui Momo parlerà di serie tv, di quelle che ci sono e quelle di cui ci sarebbe la necessità.
Di fumetti, di libri, di quell’intervento culturale che a Momo piace.
Di tendenze, di musica, di quello a che Momo fa schifo.
Questo è lo spazio che Momo vi offre per le provocazioni, per la poesia cibernetica, per la messa in discussione.
Momo non sa come sarà fatto questo spazio.
E tu lo sai?