Campagna abbonamenti 2019-2020

 

Abbonamento annuale alle edizioni Momo

 

L’abbonamento è il modo più immediato per sostenere Momo.

Momo è appena nata. Momo è coraggiosa e intraprendente. 
Ha già fatto – e mandato per il mondo – due libri, per i bambini e le bambine, due libri bellissimi e radicali.

Per ripartire da zero. E per costruire futuro, e futuri possibili.

Questa è la via che Momo vuole continuare a seguire.

E per farlo ha bisogno del vostro sostegno.

Abbonati al futuro.
Abbonati a Momo!


EDITORIALE

La cultura non viene (mai) dopo

 

 

 

Le emergenze non sono uguali per tutti.

Le disposizioni governative per contrastare il coronavirus stanno calando in maniera pesante su molti settori. Ma ce ne sono alcuni che ne soffrono in maniera particolare perché privi di ogni forma di tutela e sostegno. I cinema e i teatri chiusi fanno tristezza ma a quanto pare ora è inevitabile. Tutti gli eventi, grandi e piccoli, annullati sono una catastrofe economica, culturale e simbolica, ma pare che per bloccare il virus è il momento di fermarsi. Bisogna diminuire gli spostamenti e le relazioni sociali, i contatti ed i momenti di aggregazione.

Il punto è che per molti questo significa il disastro. In particolare per la piccola editoria, per i settori indipendenti della cultura, per le tante maestranze che vivono di eventi culturali, per i musicisti e chi vive di musica etc. Non vi è alcuna forma di sostegno, ne cassa integrazione ne uno straccio di ammortizzatori sociale.

Non vi sono leggi destinate alla cultura in generale che tengano conto delle migliaia di precari che vi lavorano e senza i quali i grandi o piccoli eventi non avrebbero modo di esistere. Le due parole sono quasi gemelle nel nostro paese, cultura e precarietà. Certo, esistono milioni di precari che non lavorano nella cultura e che soffrono la stessa nostra condizione.

L’emergenza e la crisi legate all’insorgere del Coronavirus sta mettendo in grave difficoltà molte esperienze indipendenti e moltissimi lavoratori e operatori del settore. Eventi cancellati, vendite in costante calo, futuro incerto e presente nerissimo. Il nostro pane quotidiano scarseggia, in ogni senso, non solo allegorico. Sappiamo che non siamo soli. Sappiamo che questa difficoltà sta coinvolgendo molti altri settori.

Ma qui portiamo ora la nostra voce, sperando che possa essere ben presto un coro a più voci di tutti quelli che non sono mai «garantiti», quelli che cercano costantemente il modo di sopravvivere, tanto nel mondo della cultura che altrove.

Mentre si affronta la questione, giustissima, di come agire sui lavoratori che hanno diritto alla cassa integrazione o altre forme di sostegno, rimane ancora una volta fuori quel variegato mondo fatto di milioni di persone precarie, cioè di chi non ha alcun tipo di accesso al welfare, e per i quali non è prevista nessuna tutela.

Ed ancora di più, dal nostro punto di vista, di coloro che tentano di portare il proprio contributo, per una società migliore, attraverso la cultura. Manca il punto di vista delle piccole realtà culturali, le piccole imprese – le case editrici indipendenti, per esempio, che sono un pezzo reale del tessuto della cultura del paese – mantenute vive e fertili dal lavoro di precari e precarie, giovani e non.

La situazione è già aggravata ed ora rischia di diventare catastrofica. Pensiamo che sia arrivata l’ora di parlare di una «garanzia di reddito», una misura indispensabile: una forma di sostegno economico immediata per tutti i lavoratori e le lavoratrici precari della cultura, e per tutte le piccole imprese culturali del paese. E se possibile allargando la stessa misura a tutti i precari, della cultura e non.

Vogliamo non solo dimostrare la nostra esistenza (fatta di libri, eventi, progetti culturali quotidiani la cui assenza sarebbe una catastrofe non solo per noi ma per il paese tutto) ma soprattutto rivendicare il nostro ruolo nel mondo della cultura che non è fatta solo di noti professionisti e di eventi megagalattici sostenuti da sponsor milionari.

Oggi siamo convinti che siano necessario rivendicare – insieme a tutti i precari, gli irregolari, gli intermittenti, i lavoratori e le lavoratrici al nero: i nostri lettori e le nostre lettrici – un diritto sacrosanto sulla base di un principio preciso: non si può continuare a parlare di “sicurezza” da un punto di vista sanitario senza estendere il ragionamento alla sicurezza sociale. Perché non esiste “salute” senza la garanzia di un reddito. Non possiamo rimanere, come si chiede, dentro casa e aiutare il rallentamento del contagio se siamo costretti ad uscire per cercare modi di sopravvivere. Per questo sosteniamo l’urgenza dell’istituzione di un reddito garantito, “di quarantena” anche attraverso ad esempio l’ampliamento dell’attuale reddito di cittadinanza che continua a escludere troppe figure, rendendo più ampio l’accesso alla domanda e dunque aumentando i beneficiari. Misure di sostegno di questo tipo sono il minimo che può pensare uno stato di diritto, per contrastare tanto il virus che le difficoltà economiche e sociali che milioni di persone si trovano a subire.

La cultura non viene (mai) dopo.

PER ADERIRE SCRIVI A DIREZIONE@MOMOEDIZIONI.IT

 

Primi firmatari:

Case editrici
Momo edizioni
Red Star Press - Hellnation Libri
Rina Edizioni
D edizioni
Il Galeone Editore
Coconino Press
Lorusso Editore
Milieu Edizioni
Manifestolibri
Contrabbandiera editrice
Asterisco edizioni

Realtà culturali
Attac Italia
Assalti Frontali
Conflitti
CLAP - Camere del Lavoro Autonomo e Precario
Enoize
DINAMOpress
associazione Parco della Torre di Tormarancia
BIN Italia
Pat Atho
PULP Libri - Quotidiano dei libri
Associazione Cultura è Libertà
Macao
Muta Imago
In Itinere
Vittorio Di menno Di Bucchianico (detto Victor Solaris)
Sos musicisti
Circolo Città Futura Catania

Autori, autrici, persone singole del mondo culturale e non:
Rossana Campo (scrittrice)
Eugenio Cappuccio (regista)
Marta Bonafoni
Paolo Berdini
Augusto Illuminati
Rossella Marchini
Massimiliano Falcone (insegnante)
Salvo Graci (avvocato)
Roberto Ciccarelli (giornalista)
Enrico Parisio (docente)
Erica Castorani (traduttrice)
Giulia Patrizi (laureanda in lingue e letterature straniere)
Iacopo Ricci (tecnico di pugilato e autore)
Simona Bonsignori (manifesto libri)
Eugezio Abbruzzese (studente di pianoforte)
Donatella Marchionne
Leonardo Pompili
Lavinia D'Angeli
Gabriella Rossetti
Rosa Rinaldi
Angelo Nizza
Chiara Giunti Firenze (bibliotecaria)
Adriana Buffardi
Barbara Pettine
Roberto Musacchio
Giulia Maderni (infermiera)
Francesca Gatto
Carla Gambale (archeologa)
Dario Nardini (ricercatore nelle scienze sociali e umanistiche)
Maria Laura De Bardi (esploratrice)
Miriam Aly (autrice per Minima et Moralia)
Gianmarco Pisa (operatore di pace, autore)
Andrea Turco (giornalista)
Luciana di Virgilio
Alessandra Minervini (scrittrice)
Agostino Riitano (manager culturale)
Chiara Fazi (illustratrice)
Agenzia letteraria Toniarini Dorazi
Claudia Silvestri (parrucchiera)
Dr Francesco Sticchi (Associate Lecturer Oxford Brookes University
Peppe Allegri (ricercatore indipendente)
Fabrizio Acciaro (grafico)
Dorina Forti (truccatrice dello spettacolo)
Giulia Guerra (atelierista e formatrice)
Terry Passanisi (editor freelance )
Giusi Orsino (ballerina ed insegnante di danza)
Laura Galimberti
Emilia Giorgi (curatore e giornalista arti visive)
Anna Positano (fotografa)
Anna Daneri (curatrice indipendente)
Salvatore Peluso (architetto e giornalista)
Ivana Nefori
Roberta Consonni
Nicoletta Masiero
Alice Piscitelli
Nicolò Fuccaro
Davide Galipò
Maddalena Fabbri (graphic designer)
Sabrina Nobile (bibliotecaria)
Grazia Mappa
Francesco Spagna (docente universitario)
Anna Brancato
Stefania Scapin
Francesco Stelitano (fotografo)
Laura Mozzati
Leonardo Cinieri Lombroso (regista)
Giuseppe Zarbo
Andrea Spezzigu
Paola Granata
Cristina Rotatori
Ferdinando Faraò
Jonathan Giustini, Michela Cesaretti Salvi (attrice)
Maria Chiara Di Trapani (curatore indipendente)

CapitanCalamaio
Lenina Giunta
Massimiliano Micheli
Michele Gianella
Elena Cicorella (costumista)
Cecilia De Laurentis (tatuatrice e ricercatrice indipendente)
Walter Deitinger (Membro del Consiglio di Presidenza Cinecircolo Romano)
Laura Fusca
Alice Massimi